LogoDonMilaniLibroAperto

Percorso di ricerca sulle competenze e i processi di apprendimento (2009-2012)

A partire dall'anno scolastico 2009-010, una parte rilevante dei percorsi di riflessione della scuola si è orientata in direzione dell'indagine verso i fattori sommersi dei processi formativi, recuperando una visione complessa degli stessi. Nei due anni precedenti lo sforzo era stato indirizzato alla messa a punto e al collaudo degli strumenti di valutazione dei prodotti dell'apprendimento, parte integrante della costruzione di un curriculum condiviso.
 

Obiettivi

Il passaggio di attenzione dal cosa si apprende al come rispondeva all'esigenza di avvicinarci ulteriormente alla concretezza delle esperienze di apprendimento, misurandoci, anche nelle pratiche valutative, con la globalità e complessità dei fenomeni. Le prove strutturate, "oggettive", per altro insostituibili per superare tentazioni intuizionistiche, ci consegnavano indizi statici e parziali, spesso legati ad abilità semplici; ora l'intento era di andare più in profondità, oltrepassando i confini disciplinari, riconoscendo la valenza della metacognizione, includendo nell'analisi le variabili non cognitive e la stessa variabile insegnante.

Azioni compiute

- L'incipit di questa nuova impostazione adottata è stato un seminario (settembre 2009) di due giorni, centrato sull'analisi in gruppo, multiprospettica, di prestazioni degli alunni, individuate in ragione delle competenze complesse incorporate. Al centro della riflessione dei gruppi, rispettivamente, due spettacoli teatrali che concludevano il percorso triennale del laboratorio espressivo, una lezione interattiva anch'essa conclusiva di un itinerario verticale di didattica della geografia economico-sociale realizzato col sussidio di strumenti informatici, un quarto gruppo prendeva invece in considerazione prestazioni eterogenee afferibili all'educazione interculturale. Nei primi tre casi "gli oggetti" erano in formato audiovideo.
- Da febbraio 2009, è in corso d'opera un' analisi, a più fasi, dei punti di caduta e delle criticità rilevate dalle prove di verifica comuni, somministrate dai gruppi di disciplina. L'itinerario proposto dalla Commissione Valutazione prevede di procedere a ritroso dai dati oggettivi (ipotesi adulte estrinseche), alla ricostruzione del sistema complesso e circolare di concause che hanno generato quegli esiti (modalità conversazionali e metacognitive).
- A settembre 2010 si è aperta una nuova fase con un'attività seminariale orientata ad approfondire operativamente il libro di Castoldi "Valutare le competenze". Ciascun gruppo disciplinare ha preparato e discusso in plenaria una "rubrica" per la descrizione di una competenza.
- I percorsi di analisi sul campo dei processi di acquisizione delle competenze sono proseguiti con l'allestimento di situazioni di problem solving, significative ed autentiche e la messa a punto di sistemi efficaci di osservazione
- I risultati dei lavori di ricerca dei gruppi disciplinari sono stati presentati e discussi al seminario "Analisi di contesti e processi di apprendimento, resoconto ed esiti di una ricerca-azione sulle competenze" a maggio 2011

 La ricerca sulle competenze e sui processi di apprendimento prosegue  con un cantiere di riflessione sull’esperienza per riposizionare il progetto formativo.
- A novembre 2011 l’attività seminariale traccia le tappe operative per trarre dall’esperienza i fattori di efficacia utili a qualificare iI curriculum e la  sua rivisitazione.  
I gruppi disciplinari istruiscono un percorso di insegnamento/apprendimento finalizzato allo sviluppo di competenze e incentrato su una situazione problema da affrontare approfondendo un altro libro di Castoldi “Progettare per competenze”. 
- Al seminario di giugno 2012 si chiude la ricerca azione sulle competenze con la presentazione degli esiti da parte dei dipartimenti disciplinari.
 

 a.s. 2011-2012

 
 

 a.s. 2010-2011

 a.s. 2009-2010

Seminario competenze 1

Analisi delle criticità nei processi di apprendimento